“Il Movimento 5 Stelle non ha fatto niente”

Chi lo dice, evidentemente, ha i paraocchi. O, peggio ancora, considera il MoVimento 5 Stelle una forza politica scomoda. Una forza politica che, a forza di eliminare sprechi e dare più voce ai cittadini, sta scardinando un’intero sistema di privilegi. Lo stesso che per decenni ha impoverito il Paese e fatto scappare all’estero migliaia di giovani e meno giovani.

Di errori ne abbiamo fatti, figurarsi: un movimento politico genuino, autentico e nuovo nel panorama italiano corre un rischio altissimo di scivolare tra i mille trabocchetti della vecchia politica e il trattamento non proprio di favore di alcuni organi di stampa. Oltre che sulla propria inesperienza iniziale, comunque sempre accompagnata dalla buona fede.

Ma abbiamo anche mantenuto tante promesse e vinto sfide importanti per tutti i cittadini. Non voglio ripetermi, mi limito a tracciare i contorni del Paese per come è oggi. Per come è diventato anche grazie alle politiche del MoVimento 5 Stelle.

Un’Italia modello, presa ad esempio dal resto del mondo per come ha gestito l’emergenza sanitaria. Un’Italia che torna centrale in un’Europa che, al posto di toglierle, le risorse le dà: 209 miliardi di cui si fanno carico tutti i Paesi e non più solo alcuni. Un’Italia che riceve i complimenti per la sua legge anticorruzione e che ha una nuova legge sul voto di scambio politico-mafioso. Che ha meno poltrone in Parlamento e meno povertà grazie al Reddito di Cittadinanza. Un’Italia con meno vitalizi e più speranza. Un’Italia più trasparente grazie alla norma che rende pubbliche le informazioni sui finanziamenti ai partiti e alla scelta di togliere il segreto a tanti atti riguardanti la storia, anche antimafia, del nostro Paese.

L’italia del Superbonus al 110% per tutti i cittadini e della norma Fraccaro per i Comuni. Dei rimborsi ai truffati delle banche, che iniziano ad arrivare proprio in questi giorni. Del taglio (entrato in vigore 3 giorni fa) del 30% dei contributi sui dipendenti per le imprese del Sud.

L’Italia di Quota100, di una legge di civiltà e tutela delle persone più fragili come il Codice Rosso, dei fondi a Scuola e Sanità dopo anni di tagli. Del carcere ai grandi evasori. La stessa Italia dove, a Genova, in appena due anni si realizza una nuova infrastruttura all’avanguardia. L’italia senza superticket sanitario e con più Dignità per i lavoratori. Un’Italia più sicura, con più forze dell’ordine.

Un’Italia in cui ogni anno si restituiscono milioni e milioni dal bilancio della Camera e si destinano alle popolazioni terremotate, oltre che (quest’anno, grazie a un’iniziativa promossa da me e supportata dall’Ufficio di Presidenza di Montecitorio) alle gratifiche economiche per il personale sanitario in prima linea contro il Covid. Un’Italia con più fondi per il dissesto idrogeologico.

Questa è l’immagine del Paese con il MoVimento 5 Stelle al governo, e io ne vado fiero. Ho citato soltanto gli obiettivi principali che abbiamo raggiunto negli ultimi due anni e mezzo, ma i prossimi sono già chiarissimi. Li ha illustrati la viceministra dell’economia Laura Castelli: “accelerare sulla riforma del fisco, proseguendo nell’azione che abbiamo già intrapreso per la riduzione delle tasse. Dobbiamo semplificare il rapporto tra cittadini, imprese e Stato, riducendo anche molti degli adempimenti che, grazie alla digitalizzazione, stanno diventando superflui”. Luigi Di Maio ne parlava già a maggio scorso: “intervenire anche con una sostanziale riduzione del carico fiscale. Bisogna puntare a un obiettivo chiaro: meno tasse e meno burocrazia”.

È quindi arrivato il momento di riaprire il tavolo della riforma fiscale, una seria riforma fiscale da promuovere già con la prossima legge di Bilancio. E poi ci sono le somme del Recovery Fund, che possiamo impiegare per continuare a portare avanti la cosiddetta fiscalità di vantaggio per le imprese, che dal canto loro non possono più aspettare. Così possiamo abbassare le tasse.

Avanti tutta con i prossimi obiettivi: potenziare ancora Scuola e Sanità, creare opportunità per imprese, giovani e lavoratori, accorciare le distanze tra Nord e Sud, sostenere le famiglie. Continuare a riavvicinare i cittadini alle Istituzioni con altre riforme e altri tagli degli sprechi. Dobbiamo essere protagonisti del presente e del futuro di questo Paese. Spirito costruttivo, testa bassa e lavorare: i cittadini hanno dato fiducia al MoVimento proprio per questi motivi, continuiamo ad onorarla.

Buon compleanno al MoVimento 5 Stelle, auguri a tutti noi!

1 Commento

  • Il mio commento è positivo, non ho ricordi di altri partiti che avessero fatto tanto per gli Italiani, non ricordo che altri abbiano mantenuta alcuna promessa fatta in campagna elettorale, non ricordo di altri partiti che si tagliano lo stipendio per darlo ai cittadini e che rifiuti o ogni privilegio, quindi per me è il popolo che dovrebbe premiarvi già solo per il cambiamento apportato in questa politica corrotta, purtroppo il popolo è male informato dagli organi di stampa e informazioni in generale, spero con tutto il cuore che il popolo si ravveda da ciò che questi ragazzi stanno facendo per noi tutti, mentre gli altri fanno propaganda i ragazzi del m5s lavorano in silenzio cercando di risolvere dei problemi creati da altri, io non mi stancherò mai di essere un elettore convintissimo del m5s con orgoglio e fedele, w il m5s sempre, da Angelo. Natale

Lascia un commento

Event Detail

4 Ottobre 2020 10:50

Warning: date() expects parameter 2 to be long, string given in /web/htdocs/www.francescoduva.it/home/wp-content/plugins/ova-events-manager/templates/single-event.php on line 350
+ Google Calendar + Ical Export