Cambiamo il MoVimento, ma il Paese non può aspettare

Ho creduto nel MoVimento 5 Stelle da quando è nato. Per questa causa mi sono preso grandi responsabilità, soddisfazioni, delusioni e rivincite. Sempre con la voglia di combattere per un Paese più equo e moderno, per una politica dal volto più umano.

È da giorni ormai che si parla di una ‘guerra all’interno del MoVimento’. Chi ci dipinge come una forza politica allo sbando ha addirittura cercato di far passare in secondo piano la schiacciante vittoria del SÌ al referendum sul taglio dei parlamentari. Una conquista storica, che abbiamo perseguito fino in fondo insieme al 70% dei cittadini. E alla fine ce l’abbiamo fatta.

Un minuto dopo l’affermazione del SÌ, però, sono state alimentate soltanto notizie su polemiche e tensioni nel MoVimento. Ma anche sui risultati delle regionali, che – diciamocelo chiaramente – di sicuro non sono stati una sorpresa.

È vero, c’è un problema. C’è un momento critico e di transizione che adesso probabilmente è arrivato al suo culmine. Ma le cause non sono ignote: il MoVimento è uno strumento nelle mani dei cittadini, e fino ad oggi lo abbiamo utilizzato per arrivare in Parlamento e al governo e fare finalmente quello che gli italiani chiedevano con forza da troppo tempo. Dall’altra parte invece non ci siamo ancora dati un’organizzazione competitiva a livello locale.

Di risultati a Roma, però, ne abbiamo ottenuti: Decreto Dignità, Spazzacorrotti, Reddito di Cittadinanza, taglio dei vitalizi e dei parlamentari, Quota100, Codice Rosso. Solo per citarne alcuni. Poi abbiamo gestito la pandemia in modo esemplare, tanto che anche in queste ore, da più parti nel mondo c’è chi si congratula con noi. Abbiamo finanziato la Scuola dopo anni e anni di tagli, così come è successo per la Sanità. Abbiamo ottenuto il Recovery Fund e lo sfrutteremo con un piano che servirà a rinnovare integralmente il Paese, ad esempio riducendo le distanze tra Nord e Sud e favorendo una sempre maggiore occupazione.

Sono queste le urgenze dell’Italia e degli italiani, non possiamo farle passare in secondo piano. Al contrario, dobbiamo pensare soprattutto a queste, e nel frattempo preparare il nuovo corso del MoVimento. Certo, nemmeno quest’ultimo può più aspettare, anzi è funzionale al buon governo dei prossimi anni. Per questo motivo alcuni di noi portavoce e attivisti se ne occuperanno in prima linea nell’interesse di tutti gli altri.

Quindi massima fiducia nell’impostazione che sta dando Vito Crimi alla riorganizzazione, sono sicuro che si registrerà la massima partecipazione e il più alto livello di coinvolgimento territoriale. A questo proposito, voglio chiudere facendo i complimenti a Luigi Di Maio per come sta valorizzando i Comuni. È presente sul campo e sta portando avanti un’idea che anche io condivido: da qui in poi occorre coalizzarci per le elezioni locali, con forze sia civiche che politiche e sempre a partire dalle esigenze dei territori. Sarà così che, avendo più forza e governando anche a livello locale, potremo portare altri risultati nelle nostre realtà territoriali.

Andiamo avanti. C’è chi predica la fine del MoVimento perché ha paura del cambiamento che stiamo portando nel Paese, ma di strada da fare ne abbiamo ancora tanta. Se stiamo compatti supereremo ogni difficoltà e troveremo tutte le soluzioni. Coraggio!

7 Commenti

  • FRANCESCO NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO , RITROVATEVI IN PRESENZA ABBRACCIATEVI , OGNUNO SI PRENDA LA SUA PARTE DI COLPA , DOPODICHE’ SISTEMATE LA COMUNICAZIONE PERCHE’ DOPO AVER CEDUTO CASALINO A CONTE IN TV VI HANNO MASSSACRATO PER IL RESTO NON PREOCCUPATEVI DI TEMI DA PORTARE AVANTI NE AVETE TANTISSIMI E X IL FUTURO AVETE 2 ANNI E MEZZO X SCRIVERLI . MI RACCOMANDO NON ESCLUDETE DI BATTISTA E LA LEZZI SONO DUE PERSONE CHE SE DOTATE DI STAFF ADEGUATO IN TV SPACCANO ,ALE POI E’ UN TALENTO NATURALE . A TE FACCIO UN APPELLO CHE NON SARA’ FACILE DA ESAUDIRE MA PROVACI A FAR DA PACIERE TRA GIARRUSSO E CORRAO SONO VALIDISSIMI MA HANNO UN CARATTERINO NIENTE MALE .VORREI CHE FOSSI TU A RIPETERE AGLI STATI GENERALI LE PAROLE DEL TUO SOSIA NELLA CASA DI CARTA “SIAMO NOI LA RIVOLUZIONE” UN ABBRACCIO

  • Concordo pienamente

  • Sono pienamente d” accordo ma credo che il reddito di cittadinanza In queste ultime amministrative ha fatto andare in bestia la moltitudine. Il caso Willy è stata la ciliegina. Dei bulli di quartiere senza arte ne parte percepivano il reddito di cittadinanza! Chissà quanti come loro lo percepiscono nonostante sia stato creato per restituire dignità a chi era mullatenente molti “furbetti” ne hanno largamente beneficiato fottendosi spudoratamente della parola “dignità”. Io credo siano i comuni che debbano controllare. In stretto contatto con L” Inps. Mi puoi dare notizie cortesemente? Grazie

  • Io sono orgogliosa del movimento 5STELLE ….avete fatto tantissimo in due anni , sono e sarò sempre con voi 💕💕💕💕💕

  • Caro Francesco D’Uva, cerco di darti la mia opinione,il mio contributo per quello che vale,ma ti informo che le stesse cose anche se in forme diverse le ho già dette,espresse,trite e ritrite a molti al vertice dei 5stelle nei mesi passati,risultato e risposte zero.
    Parto dall’inizio per farmi capire,sono uno dei 3 fondatori del M5S ad Argenta in provincia di Ferrara,comune di 23.000 abitanti,avevamo un bel gruppo e abbiamo fatto anche alcune iniziative importanti,io stesso ho prodotto più di 110 filmati e interviste di tipo politico,abbiamo organizzato un intervento in Piazza con Luigi Di Maio e lui stesso con l’aiuto di mia figlia funzionario all’agenzia delle entrate e revisore dei bilanci cooperative della Emilia Romagna,fece piegare le ginocchia in parlamento ad un sottosegretario che poi chiese scusa sul punto.Si eravamo un bel gruppo molto attivo,fintanto che nel bilancio di una municipalizzata non venne fuori che la dirigente responsabile aveva speso (dai 65.000 ai 70.000 euro) in faccende sue e ci riunimmo per decidere il dafarsi.Il problema saltò fuori quando la responsabile della municipalizzata autrice dell’ammanco scoprimmo che era amica di famiglia della moglie di uno dei due consiglieri 5 stelle, discussione e alla fine richiesta da parte mia di prendere una decisione chiara con una votazione,votazione impedita dal consigliere portavoce e capogruppo in consiglio comunale.Lo tenuta lunga per dirti che la vicenda abbiamo cercato di sbrogliarla prima con Ferraresi,poi con Bugani,poi ho scritto a Di Maio,poi il gruppo si e sfasciato e da due consiglieri ne e rimasto per un pelo uno.Primo problema,se nessuno si interessa di cosa succede sui territori tra una elezione politica e laltra,mi pare difficile che alle amministrative,Ectoplasmi e fantasmi prendano forma vadano a premiare chi non esiste.Secondo problema,e vero a Roma molte cose sono accadute e guai a negarlo,ci mancherebbe i successi ci sono eccome,ma non bisogna poi scordare che chi sta sui banchi in Parlamento vi e stato spinto con la sola forza degli attivisti spendendo e non poco di tasca propria,e quegli attivisti ora li trovate sfiniti a terra sul territorio.Terzo e ultimo problema,se non mettete seriamente le mani in una riforma della COMUNICAZIONE in questo paese,dove tutta la grande stampa,tutta l’editoria,tutti i maggiori network di informazione sono nelle mani della opposizione,se non si fa nulla per la riforma della RAI,avete voglia di sperare in risultati diversi alle regionali e alle comunali,basterebbe osservare come sono state trattate e continuano a trattare alcune delle nostre pedine fondamentali,una per tutte Virginia Raggi a Roma,ma potrei continuare e mi fermo quà.
    PS.il gruppo di Argenta si e sfasciato,ma nessuno si e preso la briga di una telefonata per tentare un solo recupero. https://youtu.be/xru5DN3UR5A
    Buon lavoro.

  • Sono d’accordo al rinnovamento e sopratutto alla decisione di avvicinare e ascoltare i comuni ,spero apriate delle sedi dove il cittadino si può rivolgere,sia per richieste personali ,sia per un aiuto all’amministrazione del comune di cui fa parte .Ma principalmente fate in modo che in tv ci sia un canale che non sia venduto agli altri partiti ,non se ne può più, pago il canone per ascoltare a malapena 1 programma ,il resto sono solo propaganga degli altri partiti e denigramento continuo.

  • Il vero cancro del Movimento sono i personaggi che arrivati “prima” approffittando delle conoscenze e amicizie hanno fatto terra bruciata al fine di salvaguardarsi la possibiltà di raggiungere la poltrona… Personaggi di questo genere c’è ne sono tantissimi è in provincia di Novara c’è un campione di livello assoluto…. Pulire queste zavorre e ripartire è l’unica soluzione per dar credibilità e slancio al Movimento.

Lascia un commento

Event Detail

26 Settembre 2020 10:00

Warning: date() expects parameter 2 to be long, string given in /web/htdocs/www.francescoduva.it/home/wp-content/plugins/ova-events-manager/templates/single-event.php on line 350
+ Google Calendar + Ical Export