Home / Attività Parlamentare / Visita ispettiva Ospedali Milazzo – Barcellona P.G.
Visita ispettiva Ospedali Milazzo – Barcellona P.G.

Visita ispettiva Ospedali Milazzo – Barcellona P.G.

945474_10151981419799512_999238670_n

Nella giornata di lunedì 11 novembre mi sono recato, insieme al collega Alessio Villarosa, nei comuni di Milazzo e Barcellona P.G. per visitarne le rispettive strutture ospedaliere, accompagnato dal Commissario dell’ASP Magistri. Quella ai due centri sanitari doveva essere una visita in forma privata, senza alcuna passerella o pubblicità, ma i giornali, malgrado le nostre volontà, sono venuti a conoscenza della circostanza. E’ bene precisare che questa visita rappresenta per noi solo l’inizio della più ampia azione di monitoraggio sullo stato della sanità nella provincia di Messina.
Ovviamente non sono mancate le critiche all’avvenimento. Alcuni esponenti della politica locale, infatti, piuttosto che apprezzare l’interessamento per la tematica, hanno espresso critiche, in maniera pubblica e a mezzo stampa, per la mancata visita al Pronto Soccorso di Barcellona. Tale visita non è potuta avvenire, chiaramente, non certo per mancanza di interesse verso la struttura quanto per il nostro urgente rientro a Roma.
Abbiamo dato risposta tramite un comunicato stampa a firma del MoVimento 5 Stelle di Barcellona Pozzo di Gotto.
Di seguito il testo:

Il Movimento 5 Stelle Barcellona Pozzo di Gotto, in riferimento all’articolo apparso sull’edizione odierna del quotidiano Gazzetta del Sud, pubblicato a pag. 35 ed intitolato “Inutile l’ispezione dei grillini e Collica bacchetta Laccoto”, precisa quanto segue. La visita agli ospedali Cutroni Zodda e Fogliani da parte del capogruppo alla Camera dei Deputati Alessio Villarosa e del deputato Francesco D’Uva doveva svolgersi in forma privata. Volutamente, i portavoce del M5S non avevano informato gli organi d’informazione.

In risposta alle dichiarazioni rilasciate dal dott. Franco Calabrò, esponente UDC, il portavoce Alessio Villarosa afferma: “Il nostro non è un piano che si conclude con la visita ufficiale. Il dott. Calabrò forse fa parte di quella cerchia di esponenti politici che, da alcuni anni a questa parte, hanno deciso di fare solo visite e denunce sui giornali, senza peraltro ottenere alcun risultato. La classe politica locale nell’ultimo ventennio ha distrutto il nostro territorio e in particolare ha portato una città bellissima come Barcellona ad essere un luogo ormai abbandonato dai giovani. Ritengo che da queste persone non abbiamo alcunché da imparare”.

Villarosa, sottolineando che il M5S si batterà sempre contro qualsiasi strumentalizzazione politica perpetrata ad arte sulla pelle di operatori sanitari ed utenti, replica anche all’ironia di Calabrò sulle motivazioni che l’hanno costretto a rinunciare alla visita del Pronto Soccorso: “per eccesso di buonafede io e il deputato D’Uva abbiamo reso noti i nostri impegni istituzionali ma Calabrò stia tranquillo: accettiamo volentieri il suo consiglio di recarci al Pronto Soccorso del Cutroni Zodda quanto prima. Ovviamente senza preavviso.

Ancora una volta la politica delle parole, delle dichiarazioni e dei commenti, ha un sussulto. Quando alcuni esponenti politici si rendono conto che qualcuno, attraverso azioni concrete, decide di passare ai fatti, provano a limitare danni e inefficienze con dichiarazioni tardive e fuori luogo. Una simile azione, infatti, è per noi del tutto normale, come risulta del tutto normale il suo conseguente strumentale utilizzo, il quale è, con tutta evidenza, l’unica cosa che permette ad alcuni personaggi di stare sulle pagine dei giornali locali. Forse dovremmo fare lo stesso anche noi: smettere di lavorare, attaccarci alla Gazzetta e inviare comunicati stampa su qualsiasi notizia leggiamo. Sono certo che un atteggiamento del genere ripagherebbe molto di più in termini di notorietà, propaganda e voti.

Noi però non siamo qui per propaganda: ci avete dato questo incarico per lavorare e, malgrado la frustrazione di dover perdere tempo a rispondere a critiche strumentali, lo porteremo avanti. Con buona pace di tutti.

Commenti

Scroll To Top